info@neurosystem.it          Lun - Sab: 9:00 - 20:00

Partiamo dalla diagnosi

Cos’è la Psicodiagnostica

La psicodiagnostica è una disciplina che si occupa della valutazione e della diagnosi psicologica e psicopatologica, utilizzando una vasta gamma di strumenti self-report, interviste semi-strutturate, batterie di test, colloqui clinici, esami neuropsicologici e valutazioni osservative.

Il suo impiego, può avvenire in diversi ambiti come quello clinico, giuridico-forense, di ricerca, ecc., pertanto le tecniche e gli strumenti utilizzabili possono variare nel corso degli incontri col paziente, in base al contesto e allo scopo della valutazione.

Quale test utilizzare

Al fine di ottenere un buon esame psicodiagnostico è utile eseguire almeno un colloquio
preliminare così da poter raccogliere, analizzare ed elaborare le principali informazioni che possono orientare il professionista nella scelta degli strumenti più adeguati da utilizzare con il paziente.

Diverse sono le variabili che incidono nella scelta dello strumento, ad esempio l’età, le caratteristiche psicologiche desumibili già dal primo colloquio, il tipo di eventuali deficit dei soggetti valutati e la formazione specialistica dello psicodiagnosta.

I test nel contesto clinico-neuropsicologico

Tra gli aspetti più importanti della valutazione e diagnosi psicologica vi è la possibilità di inquadrare un profilo psicologico/psicopatologico dubbio o non altrimenti rilevabile; inoltre, tramite strumenti mirati, il professionista può monitorare l’andamento di un trattamento in termini di cambiamenti ed evoluzioni sintomatologiche oltre al rendere possibile, qualora necessario, la strutturazione di un piano di intervento di riabilitazione per pazienti con deficit neurologici.

Tutto ciò permette di raccogliere dei dati che possono ancora una volta orientare al meglio il clinico nel suo operato.

Lascia un commento

Chiudi il menu